Sette Minuti Dopo la Mezzanotte – recensione

E’ indubbio che il materiale offerto da Sette Minuti Dopo la Mezzanotte fosse perfetto per Juan Antonio Bayona.

Non ho letto il romanzo originale di Patrick Ness – che scrive anche la sceneggiatura del film – ma tutto il cinema finora realizzato dall’autore spagnolo è stato costruito intorno ai bambini, ai traumi dell’infanzia, all’importanza rivolta a quella delicata fase della vita. E in più, appunto, c’è quel fondamentale elemento fantasy. Elemento che, sia chiaro, non trasforma mai il film in un vero racconta fantastico. Non è nelle corde del regista, e non è nemmeno nelle intenzioni della storia. Semmai, l’orrore e la meraviglia sono le tipiche metafore per scavare nell’interiore del protagonista.

Mi devo allora unire, non a caso, al coro che descrive facilmente Sette Minuti Dopo la Mezzanotte come una favola gotica. Buona parte del cinema spagnolo recente, o quantomeno latino-americano, flirta con tale genere da tempo. Bayona però non ha né il gusto anarchico di un De La Iglesia, né tantomeno la visione affascinante di un Del Toro.

E quindi Bayona rimane pur sempre il regista dell’insofferente e insopportabile The Impossible. Il suo tocco gotico e favolistico è consequenziale della propria tradizione cinematografica, non naturale.

Quindi, nella storia di un bambino che impara a combattere il pensiero della malattia della madre attraverso la relazione con un mostro a forma di albero antropomorfo, Bayona ritorna ai suoi temi dell’infanzia più semplici e volutamente lacrimevoli. Certo, è quasi ingiusto affermare questo di un film che ha un fortissimo messaggio di fondo, ovvero imparare a convivere con il caos delle emozioni umane ed in particolar modo con il dolore personale, e cerca di portarlo avanti con immagini poetiche e significanti. Ma sono altrettanto convinto che questa bella storia di formazione funzionasse di più nelle pagine di un libro. Al cinema, più che un’acuta elaborazione del lutto, rimane l’esercizio di stile nella realizzazione delle scene favolistiche, la somma continua di drammi del protagonista che ha quasi del parodistico, il tono esclusivamente funereo che impedisce la presa (e quindi anche il necessario marketing) sul suo pubblico di riferimento.

Forse troppo adulto, descrizione che in altri casi non sarebbe stata affatto un difetto, Sette Minuti Dopo la Mezzanotte riesce solo nel finale a toccare le vette intimiste, sinceramente emotive e quasi poetiche che Bayona voleva. Una storia così forte avrebbe sicuramente meritato un approccio meno struggente e più profondo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...