Come si vota per l’Oscar?

oscar-2

Ci siamo, tra una settimana esatta saranno svelate al mondo le nominations ufficiali per l’edizione n°89 degli Academy Awards, vale a dire i ben più noti premi Oscar. Nominations che proprio in questi giorni vengono elaborato grazie al lavoro della PricewaterhouseCoopers, società privata che come ogni anno raccoglie i dati, li riconta ed è l’unica per una settimana a conoscere i risultati.

Ma come si raccolgono le candidature? Perché ogni anno ci sono sempre esclusioni clamorose, anche quando i più esperti pronosticano certi film fino alla fine? La risposta è nel meccanismo di conteggio dei voti, a dir poco complesso.

Andiamo con ordine. L’Academy è composta, secondo l’ultimo censimento interno realizzato quest’anno prima dell’ultimo turno di votazioni, da 6687 giurati con diritto di voto (in realtà ci sono molti altri membri, che però per vari motivi non votano per l’Oscar), addirittura più di 600 rispetto allo scorso anno. Questi giurati sono divisi in tante categorie, ognuna delle quali ha ovviamente una consistenza numerica e un peso d’influenza diverso. Per essere più chiari possibili, ogni membro di una categoria vota per quella rispettiva categoria, quindi gli attori votano per le quattro categoria degli attori, gli sceneggiatori per le due della sceneggiatura, i costumisti per i costumi, e così via. Solo e soltanto per la categoria Miglior Film, come ovvio e giusto, votano TUTTI i membri, ancora coloro che non appartengono ad alcuna categoria specifica.

Il sistema di voti dell’Academy è definito “preferential sistem” e, a differenza di quanto si possa pensare, bastano pochi voti per ottenere una nomination. Esclusa la categoria Miglior Film, di cui parleremo tra poco in modo approfondito, e la categorie di Film Straniero, Film d’Animazione, Documentario Cortometraggio, Cortometraggio, che hanno un ragionamento totalmente a parte, i voti necessari per essere nominati nelle altre categorie si ottengono prendendo il totale dei voti effettivamente dati da ogni singola categoria poi divisi per i posti assegnabili + 1, che ovviamente è 6. Quindi, dopo aver diviso per 6 ogni singolo totale di voti, round dopo round, chi riesce a raggiungere un determinato numero ottiene la nomination.

Vi sembra complicato da capire? Entriamo nello specifico.

 

Miglior Attore, Attrice, Attore non protagonista, Attrice non protagonista:
I membri sono 1158, è la categoria più grande di tutta l’Academy, e i membri votano per tutte e 4 le categorie di recitazione. Facendo i dovuti calcoli, il numero di voti da ottenere è 194: chi ottiene questi voti, è nominato.

Miglior Regista:
Spesso il gruppo più elitario dell’Academy, è composta da 473 registi, molti dei quali non realizzano un film da tempo. I voti necessari per la nomination sono appena 79.

Miglior Sceneggiatura originale e non originale:
406 membri, bastano solo 68 voti per ben due categorie.

Miglior Montaggio:
Categoria spesso decisiva (chi vince Miglior Film il 90% delle volte è perlomeno candidato qui) è composta da 274 membri, quindi i voti necessari sono 46.

Miglior Fotografia:
Con 240 membri, i voti necessari sono appena 41.

Miglior Scenografia:
295 membri, i voti necessari sono 50.

Migliori Costumi:
Sembra assurdo ma è la categoria più giovane (fino a quattro anni fa era inclusa con gli scenografi) e di conseguenza è anche il gruppo più piccolo: 117 membri, per essere nominati bastano appena 20 voti, il numero più basso tra tutti.

Miglior Sonoro e Montaggio Sonoro:
Con 456 membri, le due categorie sono spesso snobbate ma in realtà, dopo registi e attori, è il gruppo più numeroso dell’Academy: i voti necessari sono 77.

Miglior Colonna Sonora e Canzone Originale:
279 membri e 47 voti necessari. Per la canzone, ad ogni membro viene inviato un dvd contenente tutte le canzoni che si possono votare, messe in ordine senza un criterio (non è una battuta). Un film può candidare al massimo 2 canzoni: se una terza dello stesso film ottiene il numero magico, è automaticamente squalificata.

Miglior Documentario:
Con 277 membri, i voti da ottenere sono 47 da una shortlist di 15 titoli.

Miglior Trucco:
I membri sono 157, ma non c’è alcun numero: i giurati votano da una shortlist di film precedentemente selezionati, e prima di votare presenziano alla proiezione di 10 minuti dei rispettivi film con scene in cui si evidenzia il lavoro sul trucco, e votano in semplice ordine di preferenza.

Migliori Effetti Speciali:
383 membri, ma come sopra il sistema è particolare: i giurati votano da una shortlist di film precedentemente selezionati, e prima di votare presenziano alla proiezione di 10 minuti dei rispettivi film con scene in cui si evidenzia il lavoro sugli effetti visivi, e votano in semplice ordine di preferenza.

Miglior Film Straniero:
Ovviamente questa categoria non esiste, non ha membri fissi, e si vota da una shortlist precedentemente selezionata di 9 film. I giurati sono volontari tra i membri dell’Academy che decidono di assistere alle proiezioni speciali dei film nell’arco di appena tre giorni tra Londra, New York e Los Angeles. I membri spettatori votano poi in semplice ordine di preferenza.

Miglior Film d’Animazione:
I membri sono 479, ma non c’è un vero numero magico: le votazioni sono aperte ai membri e anche a volontari di altre categorie che hanno visto almeno 18 dei 27 film presenti nella shortlist. I giurati danno un punteggio ai film visti, ed i cinque col punteggio più alto saranno i nominati.

Miglior Film:
Ok, ora il discorso si fa complicato davvero. Qui, come detto, votano tutti, anche quelli che non appartengono ad una specifica categoria. Ricordiamo che dal 2011 la regola è che i film nominati possono essere da un minimo di 5 ad un massimo di 10 (da quanto questa regola è in vigore, i film nominati sono stati 9 e negli ultimi due anni 8 film). In teoria, se votano tutti i giurati, il numero magico necessario è 608 voti, ma in realtà non è così semplice. In pratica, ogni giurato sulla propria scheda deve votare per 5 film in ordine di preferenza; dopo il voto si conteggiano tutti i film posizionati al posto n°1 di ogni scheda, se uno di quei n°1 arriva al numero magico è nominato automaticamente, se invece uno di quei n°1 supera addirittura del 10% o più la soglia del numero magico, allora avrà un numero di voti che al secondo round andranno al numero n°2 della scheda. Un lavora di scrematura che va avanti scheda dopo scheda. In poche parole, anche se non è proprio correttissimo ma è più facile da intendere, il film che ottiene almeno il 5% di primi posti nelle varie schede è nominato. Considerando il numero di giurati, un film deve ottenere circa 315 primi posti per essere nominati. E’ per tale motivo che per essere nominato un film non deve piacere a tutti trasversalmente, ma deve invece piacere moltissimo, tanto da meritare il primo posto, ad un numero ristretto di persone, almeno 315 nel nostro caso.

Se tutti questi numeri e conteggi matematici vi hanno fatto venire il mal di testa, ma soprattutto non hanno risposto ai vostri dubbi – Perché nella storia solo 4 registe donne sono state nominate?  Perché così pochi performers di colore, di cui solo due registi nella storia? Perché i film controversi non trovano mai spazio, mentre le classiche noiose biografie di stampo inglese si? – sappiate che la stessa Academy, soprattutto a causa delle recenti polemiche, è molto consapevole del problema, e sta provando a risolvere le questioni:  la membership si ottiene per invito, a meno che non si venga nominati acquisendo quindi un diritto automatico, e come detto quest’anno sono stati invitati ben 600 nuovi membri, un numero record, con la più alta percentuale di invitati donne, stranieri e appartenenti a minoranze.

Il cambiamento non può naturalmente essere istantaneo, ci vuole del tempo prima che l’intera membership venga rimescolata dai nuovi innesti, ma negli ultimissimi anni qualcosa sta cambiando, la demografia dell’Academy si sta lentamente ringiovanendo e molti classici Oscar Bait, quei film che sembrano creati per acchiappare premi, faticano più del solito. Anche quest’anno tra i titoli papabili che più volte vi abbiamo fatto c’è molta qualità, e film davvero brutti non ce ne sono.

Il 24 gennaio scopriremo quali film taglieranno il traguardo, tirando l’ennesima volata verso la vittoria finale.

 

Un pensiero su “Come si vota per l’Oscar?

  1. Pingback: Oscar nominations 2017: pronostici finali | bastardiperlagloria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...