E’ solo la fine del mondo – recensione

Partiamo da una necessaria banalità: Xavier Dolan è un talento precoce, precocissimo.

A 27 anni (ad ogni suo film aggiorniamo la sua età ma rimane sempre giovanissimo) ha già girato 6 film, è diventato un ospite abituale dei grandi festival internazionali, soprattutto Cannes, ha vinto premi, strabiliato la critica e costruito un vastissimo seguito cinefilo che lo ha reso già autore cult. Per Dolan l’abitudine è fare tutto bruciando le tappe delle normali carriere, ed è quindi sensato che così precocemente, a 27 anni, ci regali il suo primo film veramente sbagliato, brutto, bruttissimo.

E di motivi per definire E’ solo la fine del mondo un film brutto ne potrei trovare parecchi, ma mi porterebbero tutti fuori strada dalla vera ragione. Potrei direi che è girato male, con questi primi piani soffocanti che sembrano tanto figli della “generazione selfie” e non aggiungono drammaticità, semmai la tolgono. Potrei dire che è scritto male, perché l’impianto teatrale dell’opera da cui è tratto rimane tutto sulla scena e non si cerca di dargli una vera forma cinematografica. Potrei dire che è recitato male, perché gli attori non possono fare molto con personaggi monodimensionali e definiti solo dalla propria rabbia o insoddisfazione personale (ed il film ci regala la prima terribile performance in carriera di Marion Cotillard, il che è dire tutto). Potrei dire che è strutturato male, perché essenzialmente composto solo da lunghe macrosequenze di incontri e dialogo, spesso tra due personaggi, che vanno avanti senza ritmo.

Ma tutti questi motivi non sono la vera ragione per cui E’ solo la fine del mondo è una delusione enorme. La ragione fondamentale è che non sembra affatto un film di Xavier Dolan.

I film di questo enfant prodige canadese sono racconti pieni di vita, carichi di energia e voglia di stupire il mondo, necessità di imporre la propria personalità e ricordare a tutti “ci sono anche io”, autentiche botte di adrenalina in cui persino la musica pop contemporanea acquista un senso oltre il banale kitsch, opere che sperimentano e conciliano col puro gusto cinematografico, in cui addirittura l’innata pretenziosità era vista come positiva necessità di lasciare un segno.

E’ solo la fine del mondo è un film di Xavier Dolan ma non è un film alla Xavier Dolan, non gli appartiene, non diventa mai suo. E’ un film spento, mortifero, sommesso, immensamente noioso, annegato in dialoghi interminabili e scene lunghissime, privi di alcuni guizzo visivo e emotivo, privo di energia, privo di una qualsiasi tensione allo stupore. E’ un classico melodramma teatrale, col difetto aggiuntivo di utilizzare le urla per trasmettere una qualche sensazione. Si capisce che Dolan ha sbagliato tiro perché addirittura lui prova a liberarsi: la migliore scena del film, l’unica degna di nota, l’unica veramente emotiva, l’unica con una qualche energia, è quella in cui la famiglia si ritrova in cucina a ballare, ricordare, persino ridere, con una canzone dance orribile ma che acquisisce il senso del ricordo. Quello è il vero Xavier Dolan, quello è il suo modo di fare cinema. Poi, finita la scena, si torna alle parole e agli sguardi, e la magia si esaurisce.

Fortunatamente questa non è davvero la fine del mondo, perché Dolan è giovane e sa creare cinema. Fare un pessimo film era quasi necessario, quasi catartico per lui: si cade, e poi si torna in piedi.

 

 

7 pensieri su “E’ solo la fine del mondo – recensione

  1. Il blog mi piace molto, ma questa è la recensione più deludente. E non mi riferisco solo al fatto che il film sia molto bello, per me meglio del troppo osannato “Mommy”, ma anche per il tono estremamente aggressivo in cui è stata scritta, molto insolito per il sito

    Mi piace

    • Giuseppe, intanto grazie per i complimenti al blog che fanno sempre piacere 🙂

      Poi, nel merito, la recensione è solo una mia opinione, tutto qui. Non ci sono affatto toni aggressivi, dato che ho motivato e soprattutto ho difeso Dolan come regista e esaltato i suoi precedenti film (tutti visti) e le sue innate qualità. Essendo una recensione negativa è normale la critica sia più dura, l’importante è che sia sempre ragionata e motivata 🙂

      Le recensioni cattive sono altre, e fidati, le trovi nel blog facilmente 😀

      Mi piace

  2. So che il film non è una critica a Dolan, però comunque, essendomi piaciuto molto, secondo me non merita tutta questa durezza, per quanto non possa piacere ed è per questo che sono rimasto spiazzato. La cosa più buffa è che sono venuto a sapere del film mesi fa, proprio grazie a questo sito

    Mi piace

    • Certo, ti capisco benissimo, come detto sono punti di vista alla fine e opinioni, quindi ci mancherebbe 🙂 l’importante che è si cerchi di fare sempre un’analisi motivata e ragionata. Per fare una battuta, anche a me è spiaciuto essere d’accordo con la critica internazionale che fin da Cannes aveva massacrato il film molto più di me 😀

      Come detto nella recensione stessa il giudizio molto negativo su un singolo film non intacca il valore di Dolan o le aspettative future, il suo prossimo film è già sicuramente tra i più attesi qui! 🙂

      Mi piace

  3. Scusate,intendevo “so che la recensione non è una critica a Dolan”. Comunque concludo dicendo che spero che un’eventuale seconda visione, possa far rivalutare il film come merita, anche un poco

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...