Fantastic 4 – recensione

Ecco, lo sapevo, ora penserete che sono pazzo. Oppure incoerente, nella migliore delle ipotesi. Io che critico spesso i film Marvel per la totale assenza di serietà, ora sto per dire che uno dei principali difetti di Fantastic 4 è l’eccessività serietà. Ma fidatevi, non voglio prendervi in giro passando da un lato all’altro dello spettro dei giudizi, perchè in questo caso noi spettatori siamo le vittime: Fantastic 4 è un film brutto, irritante, totalmente sbagliato, serioso da sfiorare il pretenzioso, con un livello di spettacolo pari a zero, fatto da gente sicuramente capace che non ha minimamente idea di ciò che stava facendo.

Dopotutto dei problemi legati alla produzione ne avrete sentito parlare molto nel web. Non li posso qui riassumere, diciamo solo che il regista Josh Trank e la produzione non sono mai stati sulla stessa lunghezza, e se il primo ha dimostrato grande incompetenza alla prima chance con un big budget movie, anche la produzione ha dimostrato di non aver idee chiare, e quando c’è stato da rimediare agli errori hanno solo peggiorato ulteriormente le cose. Volete avere un segno di quali scene sono state girate dal regista, e quali quelle rigirate poi dai produttori dopo che hanno visto il prodotto finito? Seguite i cambiamenti nei capelli di Kate Mara da una scena all’altra e l’orribile parrucca che ogni tanto appare, e capirete di cosa parlo.

Allora, dove cominciare con questo scempio? Beh, iniziamo dal dire che, paradossalmente, non è affatto un film sui Fantastici Quattro. Tutti i personaggi sono in pratica “out of character” (ad iniziare dal Dottor Destino), i quattro non legano mai davvero, e quando inizia qualcosa di interessante….il film finisce. Anche in molte altre storie delle origini, o primi capitoli di lunghe saghe, il protagonista spesso diventa l’eroe che tutti conosciamo solo a metà film (citiamo come esempio supremo Batman Begins) ma poi l’azione prosegue, c’è tempo per mostrare e far lavorare il personaggio. Qui no, come se ci fosse fretta di chiudere subito le cose (e capiamo anche il perchè). Oltretutto, e questo è un grosso problema, l’approccio è totalmente sbagliato: nessuno voleva uno stile cartoonesco, ma nemmeno tale serietà rigida e del tutto fine a se stessa. I Fantastici Quattro sono tra i gruppi più divertenti dei fumetti, sono personaggi nati per rispondere all’isteria collettiva trasmessa dal successo dei Beatles, ed uno dei grossi temi delle loro storie è il rapporto con la celebrità. Qui invece abbiamo di fronte ragazzi cupi, tristi, solitari: sono un fan dell’approccio realistico (non a caso l’unica parte del film che funziona è la prima mezz’ora) ma il tono dark e serioso non è affatto adatto ai Fantastici Quattro.

Ma a prescindere dai protagonisti, il film non funziona nemmeno come superhero movie in se, e non parliamo poi come film d’intrattenimento (totalmente assente). Fantastic 4 è forse il film di genere più noioso mai realizzato, dove c’è UNA SOLA scena d’azione, che avviene oltretutto dopo un’ora e quindici minuti di pellicola, e dopo che di che il film finisce immediatamente. Ci rendiamo conto? E finisce con la sequenza d’azione da superhero movie più generico che si possa immaginare, ovvero col cattivo che vuole distruggere il mondo (cosa che il Dottor Destino dei fumetti non farebbe mai e poi mai). Parliamo di un film che dura appena 90 minuti, ci mette 40 minuti ad introdurre i personaggi e ci regala il primo confronto col villain dopo 70 minuti. C’è poco altro da aggiungere, è strutturalmente tutto sbagliato.

Quando un film riesce a sprecare il talento di cinque giovani attori tutti bravi e tutti in rampa di lancio, qui chiamati ad un performance a dir poco piatta, le cose che non vanno prendono il controllo. Non c’è nulla che ricordi lo spirito dei Fantastici Quattro, nulla che ricordi che l’unione del gruppo, nulla che ricordi il rapporto tra i personaggi, nulla che ricordi l’apporto dato dal Dottor Destino alle loro storie, nulla del colore e del divertimento divenuto sinonimo del quartetto. Ma non è tanto il tono serio e dark a creare danni, quanto il fatto che questo tono serio si trasformi via via in tono funereo: Fantastic 4 è un film spento, piatto, totalmente privo di vitalità, incapace di regalare quel senso di euforia e spettacolo che avvince lo spettatore. Senza ombra di dubbio, Fantastic 4 è uno dei peggiori comic-book movie mai realizzati.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...