Tutti i film in corsa per l’Oscar al Film Straniero

academy_award_oscar_statue_011

Il 1° ottobre è scaduta la deadline per “consegnare” i film che rappresenteranno diverse nazioni nella corsa all’Oscar al Miglior Film Straniero di cui, ricordiamo con orgoglio, l’Italia è detentore. E la lista consegnata dimostra come ormai, se ancora ce ne fosse bisogno, il cinema sia un’arte possibile e realizzabile da tutti in ogni latitudine del mondo: paese insospettabili hanno presentato un film, tra cui citiamo Nepal, Kyrgyzstan, Lussemburgo, e per la prima volta nella storia anche Malta, Cuba, Panama e Kosovo. Sono 83 i film presentati, record assoluto nella storia degli Oscar (il precedente primato era stato siglato proprio lo scorso anno con 76 titoli).

Ricordiamo che la modalità per giungere alle nominations per il Film Straniero è diversa da ogni altra categoria. I film presentati, in questo caso i 83 titoli di quest’anno, che devono essere usciti nei cinema dei rispettivi paese entro il 1° ottobre dello stesso anno, vengono proiettati a Los Angeles in speciali eventi per i membri del’Academy, la cui partecipazione non è obbligatoria per ogni film, ma per aver il proprio voto valido (il voto è un classico giudizio numerico) devono provare di aver visionato un numero minimo di film. Da questa prima fase escono i 6 film più votati, e successivamente una speciale commissione creata ad hoc dall’Academy sceglie altri 3 film non selezionati dai giurati (si vocifera, senza conferme, che due vincitori recenti come Una Separazione e il nostro La Grande Bellezza siano stati salvati dal taglio proprio da questa commissione speciale). A questo punto c’è una shortlist di 9 film, e le pellicole sono proiettate in tre giorni consecutivi in speciali eventi a New York e Los Angeles e Londra nello spazio di appena tre giorni. Da queste proiezioni e da questa shortlist esce la cinquina di film nominati all’Oscar.

Di seguito, la lista completa dei 83 film in corsa per l’Oscar (in ordine alfabetico inglese dei paesi):
“A Few Cubic Meters of Love” (Afghanistan)

“Wild Tales” (Argentina)

“Charlie’s Country” (Australia)

“The Dark Valley” (Austria)

“Nabat” (Azerbaijan)

“Glow of the Firefly” (Bangladesh)

“Deux Jours, une nuit” (Belgio)

“Olivados” (Bolivia)

“With Mom” (Bosnia)

“The Way He Looks” (Brasile)

“Bulgarian Rhapsody” (Bulgaria)

“Mommy” (Canada)

“To Kill a Man” (Cile)

“The Nightingale” (Cina)

“Mateo” (Colombia)

“Princesas Rojas” (Costa Rica)

“Cowboys” (Croazia)

“Behavior” (Cuba)

“Fair Play” (Repubblica Ceca)

“Sorrow and Joy” (Danimarca)

“Cristo Rey” (Repubblica Dominica)

“Silence in Dreamland” (Ecuador)

“Factory Girl” (Egitto)

“Tangerines” (Estonia)

“Difret” (Etiopia)

“Concrete Night” (Finlandia)

“Saint Laurent” (Francia)

“Beloved Sisters” (Germania)

“Corn Island” (Georgia)

“Little England” (Grecia)

“The Golden Era” (Hong Kong)

“White God” (Ungheria)

“Life in a Fishbowl” (Islanda)

“Liar’s Dice” (India)

“Soekarno” (Indonesia)

“Today” (Iran)

“Mardan” (Iraq)

“The Gift” (Irlanda)

“Gett, the Trial of Viviane Amsalem” (Israele)

“Il Capitale Umano” (Italia)

“The Light Shines Only There” (Giappone)

“The Windows and a Hanging” (Kosovo)

“Kurmanjan Datka Queen of the Mountains” (Kyrgyzstan)

“Rocks in my Pockets” (Lettonia)

“Ghadi” (Libano)

“The Gambler” (Lituania)

“Never Die Young” (Lussemburgo)

“To the Hilt” (Macedonia)

“Simshar” (Malta)

“Timbuktu” (Mauritania)

“Cantinflas” (Messico)

“The Boys from Marx and Engels Street” (Montenegro)

“The Red Moon” (Marocco)

“The Unsaved” (Moldavia)

“Jhola” (Nepal)

“Accused” (Olanda)

“The Dead Lands” (Nuova Zelanda)

“1001 Grams” (Norvegia)

“Dukhtar” (Pakistan)

“Eyes of a Thief” (Palestina)

“Invasión” (Panama)

“The Gospel of the Flesh” (Perù)

“Norte, the End of History” (Filippine)

“Ida” (Polonia)

“What Now? Remind Me” (Portogallo)

“The Japanese Dog” (Romania)

“Leviathan” (Russia)

“See You in Montevideo” (Serbia)

“Sayang Disayang” (Singapore)

“A Step into the Dark” (Slovacchia)

“Seduce Me” (Slovenia)

“Elelwani” (Sud Africa)

“Sea Fog” (Sud Korea)

“Living is Easy with Eyes Closed” (Spagna)

“Force Majure” (Svezia)

“The Circle” (Svizzera)

“Ice Poison” (Taiwan)

“Teacher’s Diary” (Thailandia)

“Winter Sleep” (Turchia)

“The Guide” (Ucraina)

“Little Happiness” (Regno Unito)

“Mr. Kaplan” (Uruguay)

“The Liberator” (Venezuela)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...