Road to Oscar: cercasi favorito disperatamente

best-picture-oscar-predictions-09122014-111335

di Emanuele D’Aniello

Lo scorso anno, giunti a questo punto, per tutti il nome era 12 Anni Schiavo (poi la corsa divenne incerta, molto incerta solo per la natura “dura” del film). Due anni fa, a questo punto dell’anno, per tutti il nome su cui puntare era Argo (poi la corsa divenne incerta solo per un calendario singolari di votazioni che fece saltare parecchi equilibri). Tre anni fa, a questo punto dell’anno, per tutti il nome del favorito era The Artist, e non ci furono intoppi nella strada verso la gloria. Quattro anni fa, a questo punto dell’anno, per tutti il nome da battere era The Social network, e si, poi le cose andarono diversamente, ma almeno c’era un favorito su cui convergere. E ci fermiamo ovviamente a questo decennio.

Adesso invece, a questo punto dell’anno, come siamo messi? Beh, il nome non c’è. Il favorito ancora si nasconde.

I nomi come sempre sono tanti e i film ottimi ben numerosi, ma siamo lontani, per fare un esempio vicinissimo, al livello qualitativo dello scorso anno. Insomma, si fatica ad arrivare a 10 titoli pienamente convincenti che mettano d’accordo tutti i pronostici. Soprattutto, come detto, manca il favorito, il film che ha quell’aura e quella gravitas che lo fa apparire imbattibile. Finora è sembrato di assistere ad una Road to Oscar al contrario: pian piano che i film sono stati mostrati, invece di aumentare l’attesa si fa una croce e si esclama “questo non ce la può fare, avanti il prossimo”.

Tutto è cominciato da molto lontano, addirittura lo scorso gennaio. Con la prima di Boyhood, tutti ne hanno tessuto le lodi. Il film è piaciuto universalmente e trasversalmente (ha attualmente un rarissimo 100% di recensioni positive sull’affidabile sito MetaCritic) e ha incontrato un ottimo successo al box office.Però per alcuni è troppo piccolo, troppo poco noto ai membri dell’Academy, e la compagnia che ne gestisce la distribuzione, la IFC Films, è una piccola produzione indipendente che non ha esperienza nella promozione Oscar e soprattutto non ha i mezzi economici per fare una vera e propria campagna elettorale. A maggio è stata la volta di Cannes in cui è stato proiettato Foxcatcher: bellissimo, critica estasiata, perònon sembra il film da Academy, troppo freddo e negativo.

Poi abbiamo superato l’estate dei blockbuster e sono arrivati i festival autunnali. A Venezia è stata la volta di Birdman: anche qui, plauso della critica fortissimo e unanime, grandi lodi soprattutto per la regia e per gli attori. Però per alcuni il film è troppo particolare, troppo legato alla recitazione, troppo audace e cerebrale, privo di quell’importanza spesso decisiva. Quindi siamo passati a Telluride, e tra le rocce del Colorado The Imitation Game ha conquistato tutti, e stavolta molti hanno detto che invece questo è proprio il classico film che farà impazzire l’Academy…..però per vincere ci vuole altro, assomiglia troppo a Il Discorso del Re ed è fin troppo british. Al festival di Toronto è sbarcato La Teoria del Tutto, anche questo andato benissimo….però non sembra un vincitore, retto quasi esclusivamente dalle due interpretazioni centrali.

Altro giro, altra giostra. A New York L’Amore Bugiardo e Vizio di Forma sono piaciuti molto (a dir la verità, più il primo del secondo) però a tutti, stavolta mettendo le mani prima di qualsiasi dubbio, sono apparsi troppo fuori dai canoni Oscar. Alla ricerca quindi di un game changer, tutti hanno riposto le loro attenzioni su Interstellar, che ha saltato la fase dei festival per arrivare direttamente nei cinema. E cosa è successo? Anche qui croce sopra: forse spinto da aspettative altissime e francamente insostenibili, le recensioni sono state le meno positive mai avute per un film di Christopher Nolan, i botteghini non sono stati sbancati come si immaginava, e le chance di vittoria sono naufragate prima ancora di salpare. Occhi puntati allora sull’AFI Fest di Los Angeles: A Most Violent Year ha aperto la rassegna, però non ha scaldato quanto necessario; American Sniper di Clint Eastwood è piaciuto più dei recenti lavori del leggendario regista, però non sembra la tempesta perfetta che tutti attendono; Selma è andato benissimo, ecco invece un titolo che ha messo tutti d’accordo e potrebbe conquistare anche l’Academy, però arriva un anno dopo 12 Anni Schiavo e quindi la sua forza è molto meno dirompente.

Inutile dirlo, gli occhi di tutti tornano allora a quello che per molti era il favorito naturale ad inizio corsa:Unbroken di Angelina Jolie. E’ l’ultimo grande film della stagione che ancora deve essere visto – le prime proiezioni stampa si terranno a fine novembre – ha il pedegree giusto e l’ovvio vantaggio di arrivare per ultimo dopo una stagione che ha lasciato molti insoddisfatti. Avvicinandoci quasi alla blasfemia, in molti lo stanno attendendo come si attende il Messia per capire cosa fare e come valutare questa Road to Oscar 2014/2015.

Insomma, questa è l’opaca situazione di tutti i titoli maggiori in corsa per l’Oscar. Un favorito si cerca disperatamente. Alla fine, sempre se Unbroken manterrà le sue aspettative, la sfida potrebbe davvero essere tra il film bellico della Jolie e il piccolo grande Boyhood. Anzi, molti tra gli esperti americani arrivano a dire che in questa precaria situazione l’Oscar sarebbe già di Boyhood se la IFC Films avesse le capacità dei grandi studios. Ma ovviamente è un assunto tutto da decifrare. Come detto, presto ne sapremo di più, e tra due settimane iniziano l’assegnazione dei premi con i critici di New York, e da lì sarà una valanga da cui capiremo tutto. Non ci sarà più tempo per i “però”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...