Oscar al Miglior Film: tutti i vincitori dal peggiore al migliore (seconda parte)

85oscarmovies

di Emanuele D’Aniello

Esatto, se non lo avete ancora capito con la nostra sezione Road to Oscar, siamo nel pieno della Awards Season. Si, da qui fino a fine febbraio si parlerà prevalentemente di Oscar, con un solo traguardo nel mirino di moltissimi film: il premio per il Miglior Film. Ma tra tutti i vincitori dell’ambito premio dal 1929 ad oggi, quanti sono stati i film davvero meritevoli, quelli che hanno fatto storcere subito il naso e quelli che reggono il confronto col tempo?

posizioni 85-71

70. BARRIERA INVISIBILE

Anno: 1947
Regista: Elia Kazan
Oscar vinti: 3 (film, regia, attrice non protagonista)
Film battuti: Grandi Speranze; il Miracolo della 34esima strada; Odio Implacabile; la moglie del vescovo

Elia Kazan ha sempre raccontato film dal forte messaggio sociale, e anche in questo caso la componente antirazzista è fondamentale, specie per come trattata: lo scopo non è quello di fare la morale, ma scoprire la poca tolleranza in ognuno di noi. Il film è però invecchiato non benissimo, con una recitazione abbastanza ingessata dei protagonisti, un ritmo lento e il finale sdolcinato assolutamente fuori luogo e fuori tema.

.

.

.

.

69. L’ETERNA ILLUSIONE

Anno: 1938
Regista: Frank Capra
Oscar Vinti: 2 (film, regia)
Film battuti: La Grande Illusione; Robin Hood; La Cittadella; Arditi dell’aria; La città dei ragazzi; Figlia del vento; La grande strada bianca; Pigmalione; Quattro figlie

I classici di Frank Capra non muoiono mai, anche se inferiori e leggermente dimenticati rispetto ad altri grandi successi. L’Eterna Illusione ha praticamente tutto per funzionare, dall’intreccio, al ritmo dei dialoghi, alla forza dei personaggi. Certo, il buonismo del cinema di Capra, che spesso e volentieri cade nella retorica forzata, fatica ad avere oggi il medesimo impatto.

.

.

.

.

68. MY FAIR LADY

Anno: 1964
Regista: George Cukor
Oscar vinti: 8 (film, regia, attore, fotografia, costumi, scenografia, colonna sonora, sonoro)
Film battuti: Il dottor Stranamore; Beckect e il suo re; Zorba il greco; Mary Poppins

Uno dei musical più famosi e amati di tutti i tempi, è esattamente l’epitome dello sfarzo delle grande produzioni hollywoodiane dell’epoca. Indubbiamente divertente e ricco di bella musica, è uno spettacolo per gli occhi con quei costumi enormi e scintillanti, e sfrutta il solito piacere di avere Audrey Hepburn protagonista (e pensate che all’epoca fu criticatissima per aver “scippato” la parte a Julie Andrews, che aveva il ruolo a teatro). Certo, sentirlo doppiato in italiano, a causa della premessa linguistica della storia, è davvero atroce.

.

.

.

.

67. TUTTI INSIEME APPASSIONATAMENTE

Anno: 1965
Regista: Robert Wise
Oscar vinti: 5 (film, regia, montaggio, sonoro, colonna sonora)
Film battuti: Il dottor Zivago; Darling; La nave dei folli; L’incredibile Murray

Ecco, questo è uno dei pochissimi casi in cui il livello di buonismo e “zucchero” del film è un pregio e non un difetto. Perchè la storia, il messaggio, il tema è tutto incentrato sul sentimentalismo. Insomma, uno di quei feel good movie che non risulta stucchevole. Casomai un po’ pesante per la lunga durata, ma il fascino e la bravura di Julie Andrews è fondamentale a reggere l’intero film sulle proprie spalle, anzi sul proprio talento.

.

.

.

.

66. DA QUI ALL’ETERNITA’

Anno: 1953
Regista: Fred Zinnemann
Oscar vinti: 8 (film, regia, sceneggiatura non originale, attore non protagonista, attrice non protagonista, montaggio, fotografia, sonoro)
Film battuti: Vacanze Romane; Il Cavaliere della valle solitaria; La Tunica; Giulio Cesare

Da qui all’eternità è uno dei classici esempi del cinema americano figlio degli studios degli anni ’50: un film ricco di star, che ha un messaggio sociale e contesto storico, abile a mescolarsi all’impianto narrativo da tipico melodramma. Assurge benissimo a questo compito, anche se ora è invecchiato abbastanza. Rimangono comunque indelebili le splendide interpretazioni dell’intero eccelso cast.

.

.

.

.

65. GENTE COMUNE

Anno: 1980
Regista: Robert Redford
Oscar vinti: 4 (film, regia, sceneggiatura non originale, attore non protagonista)
Film battuti: Toro Scatenato; The Elephant Man; Tess; La ragazza di Nashville

Gente Comune – l’ultimo film ad avere vinto l’Oscar senza essere nominato per il montaggio – è spesso odiato per aver battuto film molto più meritevoli e durevoli nel tempo. Condivido. Ma un esperto come Robert Redford ha infuso il film di passione e sincerità, raccontando una storia sicuramente abusata ma complessa, servendosi di interpretazioni davvero fantastiche.

.

.

.

.

64. A SPASSO CON DAISY

Anno: 1989
Regista: Bruce Beresford
Oscar vinti: 4 (film, sceneggiatura non originale, attrice, trucco)
Film battuti: Nato il 4 luglio; Il mio piede sinistro; l’uomo dei sogni; L’attimo fuggente

Nella sua delicatezza e semplicità, quasi didascalica ma mai banale, A Spasso con Daisy è un film delizioso, divertente, edificante, piacevole e commovente, qualità non comune che spesso film molto più impegnati e rivoluzionari sottovalutano. Il rapporto tra una scontrosa signora ebrea e il suo autista nero si trasforma pian piano in una vera e profonda amicizia, base fondamentale per affrontare l’annoso problema del razzismo nel sud degli Stati Uniti. La prova che per realizzare un buon film basta soltanto l’idea giusta.

.

.

.

.

63. MOMENTI DI GLORIA

Anno: 1981
Regista: Hugh Hudson
Oscar vinti: 4 (film, sceneggiatura originale, costumi, colonna sonora)
Film battuti: Reds; Indiana Jones e i predatori dell’arca perdura; Atlantic City; Sul lago dorato

La quintessenza del cinema sportivo, un film in cui i valori della lealtà e del sacrificio trionfano, ed il parallelo tra vittoria nello sport e riscatto nella vita (in questo caso addirittura dall’intolleranza) diventa cruciale. L’imitatissima sequenza iniziale, resa immortale dalla colonna sonora di Vangelis che tutti conoscono e di cui tutti ormai abusano in un qualsiasi evento sportivo, segna il passaggio da semplice film a icona culturale.

.

.

.

.

62. SHAKESPEARE IN LOVE

Anno: 1998
Regista: John Madden
Oscar vinti: 7 (film, sceneggiatura originale, attrice, attrice non protagonista, costumi, scenografia, colonna sonora)
Film battuti: Salvate il Soldato Ryan; la Sottile Linea Rossa; La Vita è Bella; Elizabeth

Una delle poche commedie romantiche ad aver vinto l’Oscar per il Miglior Film, sfruttando soprattutto la monotonia di quell’anno (guardate gli altri film nominati, e noterete che un genere e un periodo storico monopolizzarono quella cerimonia). Shakespeare in Love ha comunque il merito di essere un film trasversalmente amabile, sempre godibile, ricco situazioni interessanti e personaggi vivaci, con un meccanismo narrativo sempre in movimento.

.

.

.

.

61. GRAND HOTEL

Anno: 1932
Regista: Edmund Goulding
Oscar vinti: 1 (film)
Film battuti: Bad Girl; L’allegro tenente; Il Campione; Five star final; Un popolo muore; Un’ora d’amore; Shangai Express

Grand Hotel, ancora oggi, ha un fascino particolarissimo, davvero unico: non si guarda per la storia o per i vari intrecci tra personaggi, ma si vede per la potenza delle star presenti. E ancora, non si parla di interpretazioni, ma del loro magnetico star power. Greta Garbo, Joan Crawford, John Barrymore, in questi film più che attori sono esser soprannaturali, ipnotici. Grand Hotel è l’essenza del divismo, e per chi vi chiedesse cosa era il cinema mainstream degli anni ’30, fategli vedere questo film, l’unico ad aver vinto l’Oscar principale senza essere stato nominato in altre categorie. Sfido chiunque a non innamorarsi di Greta Garbo.

6 pensieri su “Oscar al Miglior Film: tutti i vincitori dal peggiore al migliore (seconda parte)

  1. Pingback: Oscar al Miglior Film: tutti i vincitori dal peggiore al migliore (terza parte) | bastardiperlagloria2

  2. Pingback: Oscar al Miglior Film: tutti i vincitori dal peggiore al migliore (quarta parte) | bastardiperlagloria2

  3. Pingback: Oscar al Miglior Film: tutti i vincitori dal peggiore al migliore (quinta parte) | bastardiperlagloria2

  4. Pingback: Oscar al Miglior Film: tutti i vincitori dal peggiore al migliore (sesta parte) | bastardiperlagloria2

  5. Pingback: Oscar al Miglior Film: tutti i vincitori dal peggiore al migliore (settima parte) | bastardiperlagloria2

  6. Pingback: Oscar al Miglior Film: tutti i vincitori dal peggiore al migliore (ultima parte) | bastardiperlagloria2

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...