I 10 Migliori Film da NON vedere a San Valentino

break up movies

Ci sono tanti modi per celebrare la festa degli innamorati, il giorno di San Valentino. Un modo sicuramente utile è non vedere questi film. Avete capito bene: questa è la lista dei 10 migliori film da NON vedere a San Valentino. Film bellissimi che parlano della rottura di una relazione, spesso accompagnando la narrazione in parallelo alla nascita di quella storia. Film che, come vedrete, in alcuni casi sono opere immortali nella storia del cinema.

10.  IN CERCA DI AMY  (di Kevin Smith, 1997)

Kevin Smith è un autore che nelle sua carriera ha toccato qualche alto e tantissimi bassi, ma nel genere comico/sentimentale ha indubbiamente lasciato qualcosa. Col suo stile irriverente, con la voglia di inserire camei anche fuori luogo, il regista con In Cerca di Amy ha raccontato una storia romantica molto toccante e vera, in cui in primo piano c’è l’insicurezza e la fragilità maschile di fronte ad una forte infatuazione. Toccando le corde giuste, il film è un grande esempio di commedia romantica indipendente.

.

.

.

9.  LA GUERRA DEI ROSES  (di Danny DeVito, 1989)

Col tocco della farsa, con una ironia grottesca assolutamente travolgente, La Guerra dei Roses è un film iconico degli anni ’80 e rappresenta al meglio quanto un divorzio può diventare terribile. Certo, difficilmente due esseri umani civili possono arrivare realmente a fare quello che i due protagonisti si fanno a vicenda nel film, ma di sicuro è chiaro che chiudere una relazione in maniera amichevole non è certo facile.

.

.

.

8.  NON MI SCARICARE  (di Nicholas Stoller, 2008)

E’ difficile trovare un film che mischia così magicamente sentimentalismo alla commedia più adulta e scanzonata, ma il film scritto dal regista Nicholas Stoller e dal protagonista Jason Segel è una gemma fin troppo sottovalutata. Col grande merito di mettere in primo piano la soggettiva dell’uomo in una relazione, il film è ricco di momenti onesti, dolorosi e bizzarri, e non si può smettere di ridere o rimanere emotivamente colpiti.

.

.

.

7.  ALTA FEDELTA’  (di Stephen Frears, 2000)

Si può realizzare una lista sui migliori film che parliamo di rotture di relazioni, e non includere il film che parla delle 5 migliori rotture di relazioni del protagonista? Pur non raggiungendo l’inventiva, la freschezza e la sincerità del romanzo cult originale di Nick Hornby da cui è tratto, il film di Stephen Frears è un divertente mix di commedia e romanticismo, un concentrato di cultura pop che ha conquistato fans in tutto il mondo.

.

.

.

6.  CLOSER  (di Mike Nichols, 2004)

Mike Nichols ha sempre lavorato benissimo trasportando al cinema opere teatrali di successo, e qui non fa eccezione. Ambientata a Londra, la storia è quella di quattro persone, due uomini e due donne, che si incontrato e scontrano generando una serie di reazioni a catena tra sentimenti, gelosie, amore, odio, sesso, e soprattutto l’impossibilità di costruire un legame eterno. E’ forse il film che parla di sentimenti nella maniera più cinica e anti-romantica possibile, con visceralità e totale onestà ma al tempo stesso con cinismo e freddezza. Se Julia Roberts e Jude Law sono forse fin troppo algidi, Clive Owen e Natalie Portman (coinvolti insieme in una delle scene più sexy degli ultimi anni) sono potenza pura, struggenti nella loro intensissima prova.

.

.

.

5.  (500) GIORNI INSIEME  (di Marc Webb, 2009)

Questa è la storia di un ragazzo che incontra un ragazza, ma non è una storia d’amore. La premessa più doverosa mai sentita, perchè il regista Marc Webb firma uno dei debutti cinematografici più convincenti di sempre raccontando una storia in cui tutto è ribaltato: non la donna, ma qui è l’uomo quello romantico, quello sognatore, quello perdutamente innamorato, quello che soffre. Il film stravolge il genere rivoluzionando la commedia romantica, e si serve di uno stile narrativo non lineare, incursione nel musical, tantissime citazioni, uso dei colori per rappresentare lo stato d’animo del protagonista, una colonna sonora magica, la rappresentazione grafica di alcune sequenze e molte altre trovate originali. Un film fresco e originale, ricco di energia, che parla d’amore con incredibile spontaneità, e ci presenta due protagonisti semplicemente perfetti. Probabilmente, almeno una volta nella vita, tutti noi siamo stati il Tom Hansen di turno.

.

.

.

4.  BLUE VALENTINE  (di Derek Cianfrance, 2010)

Per chi se lo dimenticasse, perso tra tanti film romantici pieni di zucchero e momenti strappalacrime, c’è un singolo assioma sempre valido e sempre veritiero: l’amore fa male. Sempre, spesso e volentieri anche quando è forte e corrisposto. L’opera seconda di Derek Cianfrance è uno struggente film d’attori retto sulle prove strabordanti di Ryan Gosling e Michelle Williams, un film sul dolore raccontato con stile realistico e tono forte, che può anche respingere taluni spettatori, ricco di sofferenza rabbiosa, che racconta senza filtri la nascita e la fine di una storia come pochi altri sono riusciti a fare.

.

.

.

3.  SE MI LASCI TI CANCELLO  (di Michel Gondry, 2004)

L’amore, e ancora di più le difficoltà nel coltivarlo e mantenerlo vivo, è stato raccontato miliardi di volte al cinema, sicuramente più di qualsiasi altro sentimento e argomento. Ma la scrittura di Charlie Kaufman e la regia di Michel Gondry dimostrano che ancora oggi, parlando di amore, si può essere originali, folli, coraggiosi, surreali, e più di tutto sinceri e veri. la storia di Joel e Clementine è la storia di miliardi di coppie di innamorati, che per incompatibilità o tanti altri motivi non sono fatti per stare insieme, pur provando un sentimento reciproco inestinguibile. Il film scompone completamente la mente del protagonista (e di conseguenza di chissà quanti spettatori) chiedendosi se davvero vale la pena eliminare i ricordi, anche i più tristi, e se un esperimento del genere possa davvero portare alla felicità. La risposta ovviamente è no, perchè pur tra scenari onirici, labirinti tortuosi, visioni cerebrali, il sentimento batte sempre il cervello, che sia un fatto positivo o negativo questo non interessa. Definire la sceneggiatura brillante e originale è un eufemismo, la spericolata visione di Kaufman si sposa perfettamente con la regia di Gondry, qui al vertice del proprio virtuosismo. Il resto lo fanno due attori tremendamente in forma, una Kate Winslet raramente così istrionica e brava, e un Jim Carrey di struggente intensità. Il melodramma più geniale che il cinema vi possa regalare.

.

.

.

2.  IO & ANNIE  (di Woody Allen, 1977)

Il film di Woody Allen per antonomasia che lo consacra come grande cineasta e gli fa vincere gli Oscar più importanti, cosa inusuale per una commedia. Il comico Alvy Singer si è lasciato con Annie dopo un anno circa di relazione e si ritrova ora a raccontare la storia del loro rapporto: cercando di capire se alla base della rottura ci sono problemi derivati dall’infanzia riviviamo l’evoluzione del loro amore, dalle prime fasi di felicità fino alla definitiva rottura. Un film che ha fatto storia e scuola, il capostipite di milioni di commedie romantiche nevrotiche degli anni seguenti, un manifestato realistico e spietato sulle difficoltà di amare, amarsi e far derivare dall’amore una relazione resistente alle circostanze della vita quotidiana. E poi l’uso di ogni tecnica possibile: dalla voce fuori campo allo schermo diviso, dalla sequenza animata ai sottotitoli per i pensieri, ed il personaggio Annie Hall che è stato per anni il simbolo del femminismo americano.

.

.

.

1.  CASABLANCA  (di Michael Curtiz, 1942)

Uno dei più grandi film di tutti i tempi, sicuramente è riduttivo volerlo rinchiudere in un genere solo. Dopotutto, paradossalmente, il film con i mitici Bogart e Bergman è anche e soprattutto una grande storia romantica d’amore, una delle più grande di sempre. Per chi conosce il film ed il suo strepitoso finale, è anche uno dei più efficaci addii di sempre al cinema, un uomo che aiuta la donna che ama e suo marito, perseguitato politico, a lasciare in aereo la città. Tanto si è scritto e detto su Casablanca, dalla sceneggiatura perfetta ad un Bogart iconico come non mai, di sicuro è un film che va goduto sotto ogni prospettiva ed ogni giorno dell’anno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...